;
Computer Forensics... - La rivoluzione è quasi ultimata 
martedì 30 settembre 2008, 13:30
Partiamo per gradi, prima di tutto diciamo cos'è la Computer Forensics (d'ora in avanti CF), siccome so che il blog viene letto anche da profani dell'informatica.
Senza spaccarmi troppo la testa, prendo come definizione la migliore che ho trovato sul WEB, ossia quella di DARIO SCALEA, che potete trovare qui (riporto solo la parte essenziale)

La computer forensics è una disciplina scientifica finalizzata all'acquisizione, all'analisi ed all'esposizione in sede processuale di ogni genere d'informazione probatoria memorizzata o trasmessa in formato binario

Lo standard “de facto” di questi ultimi anni per questo tipo di analisi è stata la Helix, una solida distro, con QUASI tutto il necessario per compiere l'analisi forense (è uscita tra l'altro la versione 2.0 il 15 di settembre). Questo predominio sarà presto attaccato da una nuova distro, realizzata dall' ing. Giancarlo Giustini che stà terminando gli ultimi ritocchi della sua CAINE.



Ma cos'ha di così innovativo CAINE rispetto alle altre?
Praticamente è una nuova idea di partenza per l'analisi. A partire dall'idea di portare tutto lo svolgimento dell'analisi tramite interfaccia grafica, fino ad arrivare alla creazione in automatico della documentazione sulle analisi svolte, insomma una vera e propria rivoluzione del settore, anche perchè Giancarlo collabora per la realizzazione a contatto con la Polizia Postale di Bologna e con 2 persone che ammiro molto (per competenza e disponibilità) Nanni Bassetti e Denis Frati.
La distro è ancora in fase di lavorazione e perfezionamento (QUINDI NON SCARICABILE), e Giancarlo ha già fatto un'ottimo lavoro e stà lavorando sodo per proseguirlo con precisione e dedizione (come sempre).
Posso vantarmi di essere tra i 3 o 4 beta tester di questa distro, che ci stà dando molte soddisfazioni oltre a tanti grattacapi per Giancarlo.
Che dire... abbiate pazienza e vedreta che la vostra pazienza sarà ripagata, ve lo assicuro a 100%

Giusto per la cronaca e per darvi un'ulteriore informazione, CAINE sarà presentata e sarà possibile averne una copia durante il LinuxDay che si terrà a Modena sabato 25 ottobre 2008, e poi sarà pubblicata on-line a partire da lunedi 27 ottobre 2008

Parliamo di HTPC 
lunedì 16 giugno 2008, 19:30
Ma cos'è un HTPC?
Semplicemente è un Home Teatre PC, anche detto Media Center. QUI la definizione di Wikipedia


Non sarà sicuramente una recensione di quelli che ci sono in commercio, sopratutto perchè montano quasi tutti il Media Center di zio Steve... (si ,iniziate ad abituarvi all'idea dello zio Steve Ballmer, perchè lo zio Bill Gates III, dal 1 Luglio lascia per dedicarsi a tempo pieno alla sua fondazione).


Studiando e ricercando su internet i prezzi migliori (per non svenarsi), una buona estetica del case, quelli di seguito sono i componenti migliori, per realizzare tutto nuovo di sana pianta e con una spesa che si aggira attorno ai 510€, per avere un sistema che registra/visualizza segnale TV, DVB-T (digitale terrestre) e DVB-S (digitale satellitare), streaming audio/video e consente la navigazione tramite internet sia con connessione ethernet, sia con connessione wireless.

DESCRIZIONE FOTO Prezzo indicativo

CASE HI-FI STYLE CUBE HANTOL

70€

MSI P6NGM

75€

RAM DDR2 1 GB 533 MHZ

30€

CPU INTEL 775 Core 2 Duo E2160 2.0GHz BOX

80€

HD 250Gb SATA2 3.0 Gb/s HITACHI 7200RPM 8 Mb CACHE

70€

HAUPPAUGE WinTV-HVR-3000

120€

MAST. DVD 18x DUAL LAYER NERO LG BARE GSA-H42N

40€

ZyXel DESKTOP PC WIRELESS NETWORK 54 G ADAPTER

25€



Quando avrò sotto mano i componenti vedrò di scrivere un guida completa su come installare e configurare MythUbuntu, per ora provando solo MythTV direttamente sulla mia Debian devo dire che un progetto molto bello e parecchio comodo, sopratutto se come telecomando si utilizza il favoloso Wii-Remote



Installiamo Debian Etch 
martedì 22 aprile 2008, 20:00
Per il mio compleanno OGGI, vi faccio un regalo, finalmente mi sono dato il tempo di creare una video guida sull'installazione di Debian, buon divertimento o smanettamento, a seconda dei casi


FreeVideoCoding.com

PS: audio e video sono un pò sfasati, ma l'importante è l'impegno che ci ho messo ;)

Lo Gnu, il pinguino e il cerbiatto esuberante 
domenica 13 aprile 2008, 22:31
Girando per youtube, in cerca di video su linux, mi sono ritrovato il bellissimo servizio di Cristian e Francesca che tratta dello Gnu, del Pinguino e del Cerbiatto Esuberante, un video che è stato accolto molto bene dalla comunità Open Italiana e al quale ho contribuito anchio visionando in alcuni punti la bozza prima di girare il video, che comunque era già stata realizzata, molto bene ed in maniera semplice per un utente medio di computer, da Cristian e Francesca.

Prima Parte:


Seconda Parte



NB: non ho trattato prima la visione di questo video perchè come detto prima ho partecipato (anche se in forma minima)

Inoltre vi segnalo anche questo bellisiimo spot girato da IBM


Come gestire i backup incrementali su disco esterno 
venerdì 11 aprile 2008, 13:40
Visto che è buona norma (per non dire obligatorio) avere un sistema di backup dei dati (sopratutto aziendali) vediamo in questa guida come poter realizzare un backup incrementale dei nostri dati per avere la possibilità un giorno di risalire al dato che ci interessa magari togliendo le modifiche che gli sono state apportate negli ultimi 4 giorni.
Situazione di partenza:
- Sul server in considerazione, è installato samba che mette in condivisone 4 cartelle: Commerciale, Amministrazione, Sviluppo, Azienda, ognuna con permessi differenti per i vari gruppi e per i vari utenti;
- Le 4 cartelle sono contenute all'interno della directory /home/condivisioni

Partiamo ora con l'installazione e le configurazioni:

apt-get install rdiff-backup

Installato rdiff-backup, ora dobbiamo preparare il disco esterno sul quale fare il Backup
NB: per questo tipo di utilizzo, mai formattarlo con filesystem FAT, in quanto in fase di utilizzo del programma di backup, non vencono mantenute le lettere maiuscole, quelle accentate, utilizzare un filesystem Linux (ext2/ext3/reiser o altri).
Montate la partizione (nel mio caso monto la partizione in /mnt) e per effettuare il backup date il comando

rdiff-backup /home/condivisioni /mnt

NNB: non andate MAI a modificare i file contenuti all'interno del disco di backup, altrimenti avrete dei problemi nell'eventuale recupero dei dati.

Per impostare la funzione di backup ad un determinato orario, non vi resta altro da fare che configurarlo nel crontab, o ancora meglio impostare uno script [/usr/bin/backup] che vi consenta di ricevere anche delle mail di conferma di avvenuto backup o errato backup.
(nello script si ipotizza che sia già installato sul server postfix e mailutils)


#!/bin/bash
echo `date` > /root/oggi
if mount /dev/sdb1 /mnt
then rdiff-backup /home /backup && mail -s "backup correttamente eseguito" username@dominio < /root/oggi
else
mail -s "backup errato" username@dominio < /root/oggi
fi

umount /backup


Infine lo aggiungiamo al crontab con il seguente comando

echo "#Backup incrementale" >> /etc/crontab
echo "00 01 * * * root /usr/bin/backup" >> /etc/crontab


Recupero dati
Per vedere quali backup sono disponibili per un determinato file o per una intera cartella dobbiamo usare il seguente comando:


rdiff-backup -l /mnt/nome_cartella/nome_file


in questo modo mi da il dettaglio dei vari incrementali memorizzati di quel file.

Per recuperare un file dell’ultimo backup


cp -a /mnt/nome_cartella/nome_file /home/dove_lo_voglio_mettere


se invece voglio recuperare una versione particolare, es. di 4 giorni prima


rdiff-backup -r 4D /mnt/nome_cartella/nome_file /home/dove_lo_voglio_mettere


Per altre configurazioni ricordate sempre che esiste il comando MAN


Indietro Altre notizie