;
Impariamo a risolvere il il cubo di Rubick 3x3 (parte 2) 
lunedì 24 gennaio 2022, 07:00
Fase2:
Per creare il secondo strato, ruotare il cubo sotto-sopra con la faccia bianca di sotto, identificare uno spigolo che non ha il giallo ed allinearlo con il centro del suo stesso colore, a questo punto svolgere la soluzione adatta tra le 2 seguenti. Nel caso uno spigolo si trovi già al suo posto, ma nel verso sbagliato fare finta che uno degli altri spigoli con il giallo sia quello da sostituire.


Situazione1: U R U' R' U' F' U F



Situazione2: U’ L’ U L U F U’ F’

Impariamo a risolvere il il cubo di Rubick 3x3 (parte 1) 
lunedì 17 gennaio 2022, 07:00
A partire da oggi, posterò con cadenza settimanale vari step per insegnare a chi lo volesse, come risolvere il cubo di Rubick in modo semplice.
Il tutto si dividerà in varie fasi durante le quali basterà allenarsi fino a raggiungere una buona velocità di movimentazione delle facce.
Sembra una stupidata, ma muovere le facce del cubo utilizzando più dita rispetto ai soli pollice ed indice (utilizzati quasi esclusivamente le prime volte che si fanno ruotare le facce), vi farà apprezzare maggiormente la vostra manualità.

Innanzitutto dovete acquistare un cubo che non sia troppo rigido, mi spiego meglio, quello originale è molto bello, ma risulta "ingessato" nei movimenti e vi farà venire il nervoso dopo un pò che lo utilizzate. Io personalmente vi consiglio di acquistarne uno da speedcube che vi consentirà di prendere sempre più dimestichezza con il cubo e allenandovi vi consentirà di risolvere il cubo con il metodo per strati in meno di 3 minuti.

Prima d’iniziare ad utilizzare questa guida che v’insegnerà a risolvere il cubo di Rubick con il “metodo a strati” in modo semplice, vi consiglio alcuni piccoli passi per apprendere meglio ed in maniera più veloce.

Le lettere semplici in maiscolo indicano la rotazione in senso orario della faccia indicata, mentre le lettere seguite dal simbolo ' indicano che la rotazione va svolta in senso anti-orario

Partiamo con le annotazioni:
F: faccia frontale (front)
B: faccia posteriore (back)
U: faccia superiore (up)
D: faccia inferiore (down)
L: faccia sinistra (left)
R: faccia destra (right)

PREPARAZIONE: L’ultimo mio consiglio per imparare velocemente è allenarsi per step, ad esempio prima di partire imparate bene bene le lettere delle annotazioni, scrivetevi su un foglio una decina di lettere indicate sopra con i rispettivi valori ' e provate a svolgerle in sequenza per muovere il più velocemente possibile le facce in sequenza e pian piano utilizzare sempre più dita della mano per svolgere le rotazioni. Quando avrete buona dimestichezza passate alla fase successiva.

CREARE LA FACCIA BIANCA:
questa sarà l'unica parte senza immagini illustrative poichè per risolverla in modo veloce bisogna solo fare tanto allenamento per capire a pieno le logiche di movimento delle facce

Fase 0:
Creare croce bianca, portando gli spigoli bianchi sulla parte superiore del cubo allineati con il colore del relativo centro laterale (questa fase si velocizza solamente con l’esercizio). Se volete diventare veloci appena creato la croce bianca, scombinate e ripartire

Fase1:
Portare i vertici bianchi sotto a dove dovranno andare (esempio il vertice rosso, verde e bianco) ed effettuare ciclicamente l’algoritmo: R'D'RD fino a quando il vertice non sarà a posto

LSP - LEGO Serious Play 
lunedì 27 dicembre 2021, 10:00
FINALMENTE!!!

Da fine ottobre sono diventato Facilitatore certificato LEGO® SERIOUS PLAY®


Questa metodologia di facilitazione (soprattutto per la gestione delle riunioni è potentissima). Descriverla in modo semplice a mio avviso non è possibile, diciamo che in modo semplice si possono dare idee qua e la su quello che è possibile realizzare utilizzandola.
Il pensare ed il trovare soluzioni utilizzando le mani implementa il sapere aziendale.
La realizzazione delle idee attraverso modelli 3D li rende "capibili" a tutti.
Tutti posso e riescono a capire le idee ed i pensieri degli altri e possono chiedere maggiori informazioni su idee che sarebbero potute rimanere nel cassetto.
Naturalmente servono le domande giuste poste nella giusta forma da parte del FACILITATORE, che comunque con un buon "PLANEGIAMENTO" (come insegna l'ottimo Lucio Margulis) tutto avviene in modo spontaneo e lineare, ma ricordarsi di avere sempre a disposizione un piano B o un piano C, perchè può capitare che qualcuno esca dal flow e lì se non è bravo il facilitatore si rischia d'incartarsi.

Noi abbiamo iniziato ad utilizzarla internamente e posso affermare con assoluta certezza che tutti i colleghi che vi hanno partecipato ne sono rimasti rapiti.
Con la prima riunione ad esempio abbiamo costruito il valore comune di "DELEGA". Vi lascio sotto lo schema, per voi non dice molto (perchè ogni workshop è calibrato per il gruppo che vi partecipa), ma ad ognuno dei colleghi che ha partecipato dice le stesse cose, ossia: quali sono i valori necessari per avere/passare una DELEGA

Se siete interessati a conoscere maggiormente questa metodologia o volete organizzare una o più riunioni/workshop con il raggiungimento sicuro di risultati prefissati, contattatemi per parlarne. Non è il mio core business, ma al massimo vi posso indirizzare su professionisti del settore in tutta italia, perchè tra le altre cose siamo anche una bella community che collabora e si scambia consigli.

Per ultima, ma non per questo meno importante, questa attività si trascina automaticamente un immenso appeal ed un grande senso di team building

Gestione firewall con IP dinamico 
venerdì 18 giugno 2021, 13:00
A volte capita di dover gestire apparati di clienti che purtroppo però per abbassare i costi hanno sottoscritto contratti consumer, per cui si ritrovano indirizzi ip dinamici.
L'unica soluzione per continuare a raggiungerli senza impazzire è l'attivazione del servizio di dns dinamico, tra i quali io ho scelto ddns (no-ip).

L'installazione sui server è semplicissima (su centOS sono 2 comandi in croce)

installazione:
yum install noip

configurazione
noip2 -C

attivazione del servizio
systemctl enable noip

avvio del servizio
systemctl start noip


Io odio avere ragione!!! (non è vero, ma fa tanto puffo brontolone) 
lunedì 11 gennaio 2021, 23:00
EDIT: 31 gennaio:
come precedentemente anticipato, mi stacco da whatsapp. Ribadisco il concetto che da quello che hanno comunicato "si sono sbagliati" a fare quel tipo di comunicato, ma come si dice "il lupo perde il pelo ma non il vizio", e tutta la struttura facebook non è la prima volta che dice una cosa e poi sotto sotto ne fa un'altra. Per cui se avete bisogno mi trovate su telegram. ciaoooo


EDIT del 14 gennaio:
Come su può LEGGERE QUI anche il garante dice che la comunicazione di whatsapp è oscura (ecco a cosa mi riferisco quando dico IN LINEA TEORICA)


EDIT del 13 gennaio:

ho deciso, passerò definitivamente a telegram (cavalco l'onda), ma come indicato nell'artivolo IN LINEA TEORICA non cambia nulla nella comunità europea, ma io ho amici con i quali mi scrivo che sono in giro per il mondo e a loro la privacy non è garantita come a me che sono in UE, per cui loro sono spiati maggiormente e di conseguenza anch'io perchè risulto nelle loro conversazioni.
Ho scelto Telegram in quanto mi dà molto più margine di manovra su tutto quello che voglio fare, inolte la condivisione di foto e filmati può essere condivisa alla stessa qualità dell'originale (non riadattata), rimanendo però entro i 2 giga.



Prima parte scritta l'11 dicembre
Era il lontano 2008 (un'era geologica in campo informatico) e io scrivevo questo articolo...
A distanza di 12 anni sono nuovamente qui a parlare di una questione simile, ossia la nuova privacy che è comparsa da accettare su WhatsApp.
Premesso che non c'è alcun allarmismo in merito, mi preme semplicemente fare un ragionamento, o meglio indicarvi il mio punto di vista poi voi trarrete le vostre conclusioni.

Partirei da una piccola riflessione, ossia se già avete/abbiamo REGALATO negli anni tutti i nostri dati a Facebook/LinkedIn/Skype/Google/Apple come mai tanto scalpore tutto in un colpo? Solo perché un tizio si è svegliato, ha letto quello che firmava ed ha gridato: PECORONI AVETE LETTO CHE VOGLIONO TRACCIARCI MEGLIO?
Si, perché alla fine Facebook non ha fatto altro che dire chiaramente il perché ci regala WhatsApp o Facebook, ossia per avere più informazioni possibili su di noi... per poi poterle rivendere agli inserzionisti. Quanti di noi ha pagato anche solo 1 centesimo per usare WhatsApp? Io me lo ricordo ancora quando pagavo 0,89€/anno “il fu WhatsApp”, e venivo tacciato come quello che pagava… si, pagavo perché era di qualità (per i tempi). Poi è arrivata Facebook lo ha comprato e regalato… e tutti giù ad usarlo… tanto è gratis, tanto… dove sta il problema? (stessa cosa per tutti i servizi Google eh… non sto mica a sindacare).
La questione è che a mio avviso nessuno dà niente per niente. Se io voglio che qualcosa funzioni come dico io e mi dia le sicurezze che dico io difficilmente sarà un servizio gratuito, quindi se lo voglio è giusto che lo paghi. (la filantropia informatica non esiste).
Fortunatamente però l’Europa si è fatta sentire per tempo ed in tutti e 28 gli stati della comunità europea a maggio del 2018 è entrata in vigore una tanto bistrattata legge, ossia il GDPR che impedisce questi cambi unilaterali di regole della privacy, per cui IN LINEA TEORICA quanto da Facebook indicato non vale per l’Europa, però intanto noi lo abbiamo firmato e se nel caso tra qualche tempo (non penso nel breve periodo) cambia qualcosa nella normativa, loro senza dirci più nulla possono “tracciarci meglio” intrecciando i dati raccolti e profilandoci sempre meglio (già adesso sono a degli standard di profilazione molto alti, la pubblicità che ci propinano, non è perché ci ascoltano dal telefono, ma è perché ci hanno già profilato in base ai siti che visitiamo, alle e-mail che inviamo ed ai messaggi che ci scambiamo).
Per dirla semplice mi tocca dare ragione al mio amico Alexander Casolari che rimane dell’idea che il telefono serva per telefonare, giusto per l’e-mail può servire
Detto questo visto che non ho Facebook e che mi sta antipatico come social media probabilmente lo abbandonerò entro fine mese. Sono ancora indeciso su quale altro software di messaggistica utilizzerò, mi do ancora qualche giorno di tempo per decidere, e valutare, le scelte sono principalmente 2:
Telegram e Signal, ognuno con i suoi pro ed i suoi contro, ve ne elenco alcuni sui quali mi sono soffermato:


Telegram:
PRO
- Ha un sacco di Bot e canali utilissimi
- È utilizzabile su multi dispositivi
- Se creo i gruppi io posso amministrarli come mi pare (esempio inibendo i messaggi vocali)
CONTRO
- sta valutando di inserire la monetizzazione (pubblicità) dal 2021 con pubblicità generiche ma solo sui gruppi pubblici
- è nato come sistema di messaggistica e la crittografia è stata inserita dopo
- sono sempre stati ligi sulla privacy, ma non mi hanno mai convinto a fondo

Signal:
PRO
- è Opensource (pregio mooooooolto grosso)
- sui server non ci rimane proprio niente niente, nemmeno un minimo storico di 1 o 2 giorni che potrebbe risultare utile, i messaggi vi circolano solo
- è nato basandosi sulla privacy e prendendo spunto da quanto richiesto dal GDPR
- è fortemente sponsorizzato a livello mediatico dalla comunità europea
- Stanno cavalcando l’onda della privacy e martellano sulla sicurezza informatica (è un bene per sensibilizzare la popolazione sui reali pericoli)
CONTRO
- è un sistema di chat semplice, non ha nulla di differente dai normali sms (oltre alle chat di gruppo)
- è un fenomeno di massa improvviso che si trova a dover gestire un volume improvviso di dati (il che ha un costo), come arriveranno i finanziamenti, chi paga per farcelo usare gratis?
- Stanno cavalcando l’onda della privacy e martellano sulla sicurezza informatica (la gente ad un certo punto poi si rompe se gli chiedi il PIN di sicurezza ogni 2 giorni)



Altre notizie